Protesi dell’'anca mini-invasiva per via anteriore

La chirurgia protesica dell’anca mini-invasiva rappresenta una delle maggiori novità degli ultimi anni nell'’ambito della chirurgia ortopedica. La mini-invasività dell’intervento chirurgico è rappresentata sia dell’approccio chirurgico che dalla tipologia di impianti protesici utilizzati.

L’approccio chirurgico mini-invasivo per via anteriore è quello che garantisce la maggiore mini-invasività; per arrivare all’articolazione dell'anca non è necessario, infatti, sezionare alcun muscolo. Dopo aver eseguito un’'incisione cutanea inguinale di circa 10 cm, è sufficiente scollare i muscoli della regione anteriore dell’'anca ed arrivare cosi al piano osseo senza dover incidere e/o sezionare alcun gruppo muscolare o inserzione tendinea.

ernia-inguinale

Vengono poi utilizzati degli impianti protesi a loro volta mini-invasivi ossia con una lunghezza dello stelo  femorale ridotta ed una adesività dello stelo all’'osso tale da consentire il risparmio del maggior osso possibile.

I vantaggi principali della protesi d’'anca mini-invasiva per via anteriore sono rappresentati da:

-  Scarso o assente dolore post-operatorio

-  Rapido recupero funzionale con il paziente che può riprendere a camminare già dal giorno successivo l'’intervento chirurgico

-  Ridotte perdite ematiche per cui non vi è, nella maggior parte dei casi, la necessità di eseguire trasfusioni di sangue

- Ottimi risultati clinici  già a pochi giorni dall'’intervento con il paziente in grado di camminare senza bastoni canadesi e senza zoppia

- Ridotta incidenza di lussazioni post-operatorie

La protesi d’'anca mini-invasiva può essere eseguita su tutti i pazienti, indipendentemente dall'età e dalle condizioni generali del paziente.

 

 
 Clinica Parioli
Via Felice Giordano 8
Roma
tel: 06807771
 Villa Benedetta
Circonvallazione Cornelia 65
Roma
tel: 06666521
 Medical Center
Via Collecarino 126 
Arpino (Fr)
tel: 360729022


  Site Map